Quando avviene la sospensione delle donazioni del sangue? Scopri quando e per quanto tempo.

Cause di esclusione temporanea del candidato donatore

CINQUE ANNI:

  • glomerulonefrite acuta (dopo la guarigione definitiva)

DUE ANNI:

  • tubercolosi (dopo la guarigione definitiva) - i donatori con Mantoux positiva e controllo radiologico del torace negativo sono idonei alle donazioni
  • osteomielite (dopo la guarigione definitiva)
  • reumatismo articolare acuto (dopo la guarigione definitiva)
  • brucellosi (dopo la guarigione definitiva)
  • febbre Q (dopo la guarigione definitiva)

UN ANNO:

  • vaccinazione antirabbica (se somministrato dopo l'esposizione)
  • parto
  • Malattia di Lyme (dopo la guarigione)

SEI MESI:

  • mononucleosi infettiva (dopo guarigione)
  • toxoplasmosi (dopo completa guarigione)
  • interruzione di gravidanza
  • Coloro che rientrano dopo viaggi in aree tropicali previa valutazione dello stato di salute del donatore con particolare attenzione ad episodi febbrili dopo il rientro, e le condizioni igienicosanitarie e epidemiologiche della zona in causa.

QUATTRO MESI:

  • esposizione accidentale al sangue e/o a strumenti contaminati da sangue
  • trasfusioni di sangue o di emocomponenti o trattamento con farmaci emoderivati*
  • endoscopie o uso di catetere
  • trapianto di tessuti o di cellule*
  • rapporti sessuali occasionali a rischio di trasmissione di malattie infettiva (nuovo partner)
  • agopuntura (se non praticata da medico autorizzato e con l’utilizzo di aghi a perdere): per la documentazione di tali dati è necessaria la certificazione del medico
  • piercing
  • tatuaggi
  • impianto perni (dall’ultimo eseguito)
  • intervento chirurgico maggiore*
  • intervento chirurgico per asportazione di carcinoma basocellulare (documentato da relativo referto istologico)
  • assunzione di droghe leggere (fumo)
  • Manifestazioni allergiche gravi, fatta eccezione per lo shock anafilattico, a sostanze con particolare riguardo alla penicillina e cefalosporine e veleno di imenotteri
*La patologia di base per la quale il donatore ha subito l’intervento o il trapianto è prevalente per definire il tempo di sospensione



TRE MESI:

  • somministrazione di sieri di origine animale
  • puntura di zecca

UN MESE:

  • somministrazione di vaccini costituiti da virus o batteri viventi e attenuati quali il BCG, antivaiolo, antipolio orale, antimorbillo, antiparotite, antirosolia, anti febbre gialla, anti Herpes, antivaiolo
  • convivenza con pazienti affetti da malattie esantematiche, parotite, mononucleosi
  • WNV (virus del Nilo Occidentale) dopo il rientro da zona con casi di malattia nell’uomo nell’anno in corso nel periodo di endemia. In caso in cui il donatore abbia contratto un’infezione da WNV la sospensione è di 4 mesi dopo la guarigione L’esclusione temporanea non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell'acido nucleico (NAT), in singolo.

DUE SETTIMANE

  • Febbre > di 38°C (dopo la cessazione dei sintomi)
  • Affezioni di tipo influenzale (dopo la cessazione dei sintomi)

UNA SETTIMANA:

  • estrazione dente non complicata o seguita da antibioticoterapia
  • devitalizzazione dente/i (dall’ultimo eseguito)
  • interventi chirurgici minori
  • Vaccino dell’epatite B se il soggetto è asintomatico e se non vi è stata esposizione

48 ORE:

  • cure odontoiatriche di minore entità (otturazioni semplici) da parte di dentista o odontoigienista (detartrasi)
  • somministrazione di vaccini costituiti da virus, batteri, rickettsie uccisi o inattivati dai tossoidi, quali contro epatite A, rabbia (profilassi), tetano, difterite, pertosse, febbre delle Montagne rocciose, influenza, poliomielite (iniezione), peste, tifo, paratifo e colera se asintomatici

Una grande storia

L’Avis di Arona fu fondata il 26 giugno del 1951. Da quel lontano giorno di strada ne è stata fatta, senza mai perdere di vista l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere la donazione del sangue e il messaggio associativo: “Il sangue è vita”.

Con un gesto di generosità sono state salvate tante vite. Il vostro costante impegno e la vostra solidarietà hanno consentito alla sezione di crescere sempre più, dimostrandosi un punto di riferimento essenziale per il territorio.

Come contattarci

  • Orari Sede

    lunedì a venerdì dalle 17:00 alle 19:00

  • Indirizzo

    Via S. Carlo, 3 - 28041 Arona (NO)

  • E-mail

    info@avisarona.it

  • Telefono e Fax

    0322 44352 - Fax 0322 236497

  • Facebook

    facebook.com/avisarona

  • AVIS Arona Unità di Raccolta Fissa

    D.G.R.n° 48-41973 del 29/12/1994
    ONLUS Iscritta al Registro del Volontariato Settore Sanità con D.P.G.R. n° 5540/1992.